Forum Infettivologico
Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Cessazione del fumo: cautela nell’uso del Bupropione



L’Agenzia inglese di Farmacosorveglianza , MCA , e quella australiana, ADRAC, hanno ricevuto diversi report di morti sospette dopo assunzione del Bupropione, un farmaco antidepressicvo riconvertito a farmaco per la cessazione del fumo di sigaretta.

In realtà il Bupropione non è un farmaco innovativo . Già presente negli USA come antidepressivo è stato riconvertito dal marketing farmaceutico in farmaco antifumo , un settore ritenuto redditizio.
Ora due tra le più importanti Agenzie di Farmacosorveglianza nel mondo, l’inglese MCA e l’australiana ADRAC, hanno riproposto con forza il problema sicurezza con l’uso di questo farmaco. Fino a novembre 2000 erano giunti all’Adverse Drug Reactions Advisory Committee ( ADRAC) australiano 780 segnalazioni di effetti indesiderati con l’uso del Bupropione.
E più precisamente 307 segnalazioni di reazioni avverse a carico della cute , 285 disturbi psichiatrici, 268 reazioni a carico del sistema nervoso e 172 a carico del tratto gastrointestinale.
La maggior parte delle reazioni di ipersensibilità si sono manifestate sotto forma di edema facciale o angioedema. E’ stata inoltre osservata una sindrome caratterizzata da rash cutaneo ed orticaria con dolore alle giunture o rigonfiamenti. Gli effetti indesiderati si sono manifestati in media dopo 17 giorni dall’assunzione del Bupropione ( range 5-37 giorni). Il Bupropione può causare convulsioni ed è controindicato nei soggetti epilettici. Inoltre dovrebbe essere usato con cautela nelle persone che hanno una predisposizione alle convulsioni, come i soggetti che abusano di alcool o che assumono medicamenti che abbassano la soglia delle convulsioni. In questa categoria rientrano i farmaci antidepressivi ed i farmaci antipsicotici, l’insulina, i farmaci ipoglicemizzanti orali ed i prodotti anoressizanti.
Fino a maggio 2001 sono giunte all’ADRAC 9 segnalazioni di morti sospette tra le persone sotto terapia con Bupropione. Le persone morte avevano un’età compresa tra i 30 ed i 61 anni.
Questo dato conferma il basso profilo di sicurezza di questo farmaco già segnalato dal MCA.
L’Agenzia inglese ha riportato nel suo bollettino di febbraio 2001 Current Problems in Pharmacovigilance, 18 segnalazioni di morte sospetta con Bupropione e 3.457 report di effetti indesiderati.
In Italia il farmaco è stato commercializzato a partire dal settembre 2000 con i nomi commerciali di Zyban e Quomen.


Xagena2001


Indietro