Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it

Gli incretino-mimetici sembrano aumentare il rischio di pancreatite


Sonal Singh della Johns Hopkins University School of Medicine, Baltimore, Maryland ( Stati Uniti ), ha riportato i risultati di uno studio caso-controllo basato sulla popolazione, che consolidano i timori riguardo alle terapie a base di GLP-1 e il potenziale rischio di pancreatite, emersi dopo le segnalazioni di casi alla Agenzia regolatoria statunitense, FDA ( Food and Drug Administration ), così come dai dati sugli animali.

Singh ha sottolineato, tuttavia, che, anche se le nuove scoperte indicano un legame tra questi farmaci e la pancreatite, questo potrebbe essere casuale.
Pertanto i pazienti non dovrebbero interrompere l’assunzione di questi farmaci, ma essere in grado di riconoscere i segni e i sintomi della pancreatite, che comprendono nausea, vomito e dolore addominale; se questi dovessero verificarsi, sarebbe opportuno interrompere l’impiego di questi farmaci, almeno temporaneamente, e monitorare i livelli degli enzimi pancreatici.

La pancreatite è strettamente correlata al cancro del pancreas.

In un editoriale di accompagnamento, Belinda Gier e Peter Butler, dell’University of California, Los Angeles ( UCLA ), hanno affermato che il vero nodo della questione è il possibile rischio di cancro con gli incretino-mimetici.

Allo stato attuale, i farmaci della classe GLP-1 sono abbondantemente prescritti e si ritiene che comportino vantaggi superiori ai rischi.
Il monito di Singh e colleghi è relativo all’ampio uso di questi farmaci, perché ancora poco è noto circa gli effetti negativi a lungo termine dei farmaci della classe GLP-1 a livello del pancreas.

Exenatide ( Byetta ) e Sitagliptin ( Januvia ) sono stati i primi farmaci nelle rispettive classi ad essere approvati negli Stati Uniti, e dopo la loro commercializzazione ci sono state segnalazioni di casi di pancreatite.

Utilizzando un database di grandi dimensioni ( 7 Blue Cross Blue Shield Association ), Singh e colleghi hanno valutato una popolazione di pazienti affetti da diabete mellito di tipo 2, con almeno una prescrizione di un qualsiasi farmaco per il trattamento del diabete mellito nel periodo 2005-2008.

La principale misura di esito era rappresentata dall'ospedalizzazione per pancreatite acuta.

Sono stati identificati 1.269 casi di ospedalizzazione per pancreatite acuta, che sono stati confrontati con 1.269 soggetti di controllo abbinati per età, sesso e complicanze del diabete.

Dopo aggiustamento per i fattori confondenti e l'uso di Metformina, l’uso attuale di terapie a base di GLP-1 entro 30 giorni ( odds ratio aggiustato, aOR=2.24 ) e l'uso recente di tali terapie ( da più di 30 giorni a meno di 2 anni; aOR=2.01 ) sono stati associati a una incidenza significativamente aumentata di pancreatite acuta rispetto ai non utilizzatori.

I farmaci incretino-mimetici sono risultati associati a un rischio 2 volte maggiore di ospedalizzazione per pancreatite.
Questi pazienti con sintomatologia sospetta dovrebbero essere tenuti sotto osservazione; inoltre, deve essere preso in considerazione un arresto temporaneo della terapia.

Secondo Singh l'associazione con la pancreatite è probabilmente un effetto meccanicistico che interessa tutti gli agonisti GLP-1 e gli inibitori della DPP-4.

Studi futuri dovrebbero determinare se il monitoraggio dei livelli sierici degli enzimi può essere utilizzato per prevedere il verificarsi di pancreatite acuta tra i pazienti con terapie basate su GLP-1.
Studi prospettici a lungo termine dovranno esaminare se questi farmaci sono causa di pancreatite e di cancro al pancreas. ( Xagena2013 )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2013

Endo2013 Onco2013 Farma2013


Indietro