Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Interleuchina-2 efficace nelle malattie autoimmuni


L’immunoterapia con basse dosi di Interleuchina-2 ( Proleukin ) sembra essere sicura ed efficace nel trattamento di due malattie immunomediate, vasculite da virus dell'epatite C ( HCV ) e malattia del trapianto verso l’ospite ( GVHD ).

Nel primo studio, è stato scoperto che l'Interleuchina-2 è in grado di aumentare la proporzione di cellule T regolatorie ( Treg ) in tutti i 10 pazienti con vasculite da HCV, e di migliorare i sintomi della vasculite in 8 soggetti, con pochi effetti collaterali.

Nel secondo studio, si è rilevato che il trattamento ha indotto risposte parziali in circa la metà dei pazienti affetti da malattia graft-versus-host cronica ( GVHD ), senza casi di recidiva o progressione della malattia.

Nel complesso, il trattamento con Interleuchina-2 è risultata sicuro, ma a lungo termine i suoi effetti non sono noti.

L’obiettivo di uno studio è stato quello di verificare se l'Interleuchina-2 possa essere usata per trattare i pazienti con vasculite indotta da virus HCV che non rispondono alla terapia standard con antivirali, Rituximab ( Rituxan; in Italia: MabThera ), o entrambi.

L'Interleuchina-2 è approvata per l'uso come trattamento aggiuntivo per il carcinoma a cellule renali.
Promuove la sopravvivenza e la funzione delle cellule Treg, che inibiscono la risposta immunitaria.

Lo studio ha incluso 10 pazienti con vasculite crioglobulinemica mista che non erano in terapia con glucocorticoidi o immunosoppressori ( età media 58.5 ). I pazienti hanno ricevuto un ciclo di Interleuchina-2 a 1.5 milioni UI/die per 5 giorni, seguito da 3 cicli di 5 giorni a 3 milioni di UI/die alle settimane 3, 6 e 9.

Entro la settimana 9, c'è stato un aumento significativo della percentuale di cellule T CD4+ ( Treg ), dal 3.6% all’11.8% ( p=0.004 ).
Questo miglioramento ha soddisfatto l'endpoint primario con un aumento assoluto di almeno il 4%.

Nove pazienti su 10 hanno anche avuto una riduzione della crioglobulinemia, 8 pazienti hanno visto un miglioramento della vasculite e c’è stata una riduzione complessiva nell'espressione di geni correlati all'infiammazione e allo stress ossidativo.

Il trattamento è risultato sicuro, senza eventi avversi di grado superiore a 1 e nessun cambiamento significativo dei livelli circolanti di granulociti, eritrociti, o degli enzimi epatici.
Inoltre, il trattamento non ha aumentato il numero di cellule T effettrici e non ha indotto riacutizzazione della vasculite o aumentato la viremia di HCV.

L'Interleuchina-2 è stata anche valutata come opzione di trattamento per i pazienti con GVHD cronica, che si sviluppa in più della metà dei pazienti che hanno subito il trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche.
Lo studio ha riguardato 29 pazienti ( età media 49.5 anni ), la cui malattia non ha risposto alla terapia sistemica con glucocorticoidi.

Per 8 settimane, i pazienti hanno ricevuto ogni giorno Interleuchina-2 a basso dosaggio per via sottocutanea, da 300.000 UI per metro quadrato di superficie corporea a 1 milione di UI, poi fino a 3 milioni di UI, se tollerate.
La dose più alta, tuttavia, ha provocato sintomi, tra cui febbre, malessere ed artralgia, che hanno indotto ad adottare la dose massima tollerata di 1 milione di UI.

Nessuno dei pazienti ha avuto una ricaduta o progressione di GVHD cronica, esacerbazioni cliniche, o recidive di un sottostante tumore ematologico.

Il numero di cellule Treg CD4+ è aumentato in tutti i pazienti, anche se dei 23 che avrebbero potuto essere valutati per una risposta clinica, 12 hanno presentato una risposta parziale che coinvolgeva più siti e 11 avevano malattia stabile.

Il numero di picco medio di cellule Treg CD4+ a 4 settimane è stato più di 8 volte superiore rispetto al basale ( p inferiore a 0.001 ), senza alcuna variazione nelle cellule T convenzionali.

Per i pazienti che hanno continuato a ricevere Interleuchina-2 oltre il periodo iniziale di trattamento, la risposta immunologica e clinica è stata mantenuta e la dose di glucocorticoidi ha potuto essere ridotta in media del 60%.

Il l trattamento ha avuto un accettabile profilo di effetti collaterali e non ha indotto leucopenia, neutropenia, trombocitopenia, o disfunzione epatica significative.

Due pazienti hanno sviluppato microangiopatia trombotica di grado 4 associata a insufficienza renale richiedente dialisi, ma stavano assumendo anche Sirolimus e Tacrolimus.

Altri eventi avversi sono stati: infezioni gravi in 3 pazienti, indurimento reversibile di grado 3 del sito di iniezione in 3 pazienti, sintomi costituzionali di grado 2 in un paziente, disfunzione renale di grado 2 in uno e trombocitopenia di grado 2 in un altro. ( Xagena2011 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2011


Reuma2011 Emo2011 Farma2011


Indietro