Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it

Patogenesi, trattamento e prevenzione della osteoporosi negli uomini


Il testosterone stimola la crescita longitudinale e apposizionale dell’osso durante l'infanzia, mentre gli estrogeni inducono la chiusura epifisale.

Nell'età adulta, il testosterone continua a stimolare la crescita del periostio, mentre gli estrogeni sono importanti per il mantenimento della massa e della struttura ossea trabecolare.

Nei maschi, il testosterone subisce una reazione di aromatizzazione in estradiolo. I livelli plasmatici liberi e biodisponibili di testosterone ed estradiolo diminuiscono con l'età nei maschi, e il rischio di fratture è associato ai bassi livelli di estradiolo.

Il testosterone può aumentare la massa muscolare e prevenire le fratture correlate alle cadute.

I maschi giovani affetti da ipogonadismo devono essere trattati con Testosterone per raggiungere il picco di massa ossea e aumentare la densità minerale ossea ( BMD ).

I maschi anziani affetti da ipogonadismo devono essere trattati in caso di osteoporosi, ridotta forza muscolare e aumento del rischio di cadute.

L'iperparatiroidismo secondario causato da insufficienza di calcio e di vitamina D può ridurre la massa ossea e la forza e aumentare il rischio di fratture, e deve perciò essere evitato.

Dal momento che l’integrazione di Calcio è stata associata ad un aumentato rischio di complicanze cardiovascolari e calcoli renali, la dose deve essere adattata per l'assunzione continua giornaliera di Calcio.

Devono essere considerati i fattori di rischio legati allo stile di vita ( fumo, consumo di alcol, mancanza di attività fisica e basso peso corporeo ).

L'efficacia anti-fratture del trattamento anti-riassorbimento e anabolizzante per l'osteoporosi non è stata documentata in grandi studi randomizzati controllati.
Tuttavia, i cambiamenti nella densità minerale ossea e nei marcatori ossei suggeriscono effetti simili dei bifosfonati nei maschi e nelle femmine ( Alendronato, Risedronato, Ibandronato, Acido Zoledronico ), della Calcitonina nasale, di Denosumab e di Teriparatide ( ormone paratiroideo [1-34] ).

I farmaci anti-riassorbimento devono essere utilizzati nei maschi con T-score della densità minerale ossea inferiore a -2.5 e con uno o più fattori di rischio, o con fratture all'anca e vertebrali.

Sembra opportuno raccomandare un più alto T-score di cut-off ( ad esempio, inferiore a -1.0 deviazione standard ) nell'osteoporosi indotta da glucocorticoidi e in pazienti sottoposti a terapia di deprivazione androgenica a causa della rapida perdita di tessuto osseo iniziale.

Il trattamento con anabolizzanti dovrebbe essere usato nei casi più gravi di fratture spinali, anche indotte da glucocorticoidi. ( Xagena2013 )

Moskilde L er al, Drugs 2013: 73: 15-29


Endo2013 Farma2013


Indietro