Farmaexplorer.it
Xagena Mappa
Medical Meeting
Onco News

Ticagrelor nei pazienti con sindromi coronariche acute


Una nuova analisi dello studio PLATO ( PLATelet inhibition and patient Outcomes ) ha dimostrato che il farmaco antiaggregante piastrinico Ticagrelor ( Brilinta, Brilique ) riduce i tassi di mortalità senza aumentare il sanguinamento rispetto al trattamento standard a base di Clopidogrel ( Plavix ) nei pazienti con infarto miocardico.

Clopidogrel è un farmaco antiaggregante piastrinico che viene utilizzato in combinazione con l'Acido Acetilsalicilico ( Aspirina; ASA ) nei pazienti con sindrome coronarica acuta ( infarto miocardico / angina instabile ), al fine di evitare che si formino trombi, riducendo così il rischio di nuovi attacchi cardiaci, ictus e morte.
Ticagrelor ha un effetto antiaggregante maggiore e più rapido rispetto al Clopidogrel.

Nello studio PLATO, sono stati confrontati i due farmaci in pazienti con sindromi coronariche acute, che dovevano sottoporsi a procedure invasive ( come l'angioplastica e impianto di stent nell'arteria coronaria ).

All'inizio dello studio, una strategia invasiva è stata pianificata per 13.408 ( 72% ) di 18.624 pazienti ospedalizzati per sindrome coronarica acuta.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1-a-1 a Ticagrelor e placebo ( 180 mg la dose di carico seguita da 90 mg due volte al giorno ), oppure a Clopidogrel e placebo ( 300-600 mg la dose di carico seguita da 75 mg al giorno ) per 6-12 mesi.
A tutti i pazienti è stato somministrato l’Acido Acetilsalicilico.

L'endpoint primario era rappresentato da morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus.

I pazienti nel gruppo Ticagrelor avevano il 16% in meno di probabilità di manifestare l'endpoint primario rispetto a quelli nel gruppo Clopidogrel.
L'endpoint di morte cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus si è verificato in un minor numero di pazienti nel gruppo Ticagrelor che nel gruppo Clopidogrel ( tasso di eventi in 360 giorni 9% versus 10.7% ).
Il rischio di morte è risultato significativamente diminuito, passando dal 5% ( Clopidogrel ) al 3.9% ( Ticagrelor ); una riduzione del rischio di mortalità nell’arco di un anno di circa un quinto.
La formazione di coaguli ematici all'interno dello stent sono risultati notevolmente ridotti.

Non è stata riscontrata alcuna differenza statisticamente significativa nel gruppo Clopidogrel e nel gruppo Ticagrelor riguardo al tasso di sanguinamento maggiore ( 12% per ciascun gruppo ) o sanguinamento grave ( 3% per entrambi i gruppi ).

Secondo gli Autori, l'uso di Ticagrelor, anziché Clopidogrel, per 1 anno, su 1.000 pazienti con sindromi coronariche acute che devono sottoporsi a una strategia invasiva al momento di iniziare il trattamento farmacologico, potrebbe portare a una riduzione di 11 casi di morte, di 13 casi di infarto del miocardio e di 6 casi di trombosi dello stent, senza un aumento dei tassi di sanguinamento maggiore o di trasfusioni.

In un commento di accompagnamento, Gregg W Stone del Columbia University Medical Center, Cardiovascular Research Foundation di New York negli Stati Uniti, ha affermato che i risultati sono a sostegno di Ticagrelor come nuovo standard di cura nelle sindromi coronariche acute.
Tuttavia, dovrebbe essere impiegato un approccio personalizzato per la selezione del farmaco, mettendo a confronto il rischio di ischemia con quello di sanguinamento.
Clopidogrel potrebbe ancora rappresentare una terapia appropriata per pazienti selezionati che sono a rischio relativamente basso di infarto miocardico o di trombosi dello stent e/o ad alto rischio di sanguinamento maggiore. ( Xagena2010 )

Fonte: The Lancet, 2010 


Farma2010 Endo2010 Cardio2010


Indietro